Gli anni passano, l’uso consuma, le esigenze di vita cambiano e, a un certo punto, non si riesce più a rimandare: la casa va sistemata. Possono essere necessari semplici lavori di manutenzione ordinaria o più sostanziosi interventi di manutenzione straordinaria, magari per sostituire gli infissi, modificare l’assetto delle stanze, migliorare l’efficienza energetica. Oppure lavori più radicali che, ad esempio, modificano i volumi dell’immobile.

In ogni caso le spese da sostenere sono impegnative, ma un mutuo per la ristrutturazione ti aiuta ad affrontarle con maggior respiro. In un orizzonte di tempo che, in linea di massima, arriva fino a 30 anni e rimborsando la somma per i lavori nel medio-lungo termine con rate fisse, variabili o miste, in base alle tue possibilità. Oltre che per ammodernare la casa di famiglia, puoi chiedere il mutuo per l’acquisto e la ristrutturazione della tua futura casa. Se compri una casa e la devi ristrutturare il mutuo copre fino all’80% del valore di mercato che l’edificio avrà una volta completati i lavori. Se invece la casa è già tua e vuoi ristrutturarla, la banca ti finanzia fino all’80% dei costi previsti per la ristrutturazione, come risultanti da relazione del perito incaricato dalla banca e, in ogni caso, non superiore al limite di fondiarieta' complessiva dell'operazione ( 80% del valore di stima dell'immobile a lavori ultimati).

Come funziona il mutuo per la ristrutturazione? Per chiedere un mutuo ci sono una serie di documenti tecnici da consegnare alla banca:

  • Disegni di progetto se, per il tipo di intervento, è necessaria la consulenza di un progettista.
  • Permesso di costruire, DIA (denuncia inizio attività) o SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) complete di allegati e relazione tecnica di asseverazione.
  • Preventivo dell’impresa che eseguirà i lavori.

Oltre a quelli che riguardano strettamente i lavori, per il mutuo sono necessari altri documenti sull’immobile: il suo titolo di provenienza, come il contratto d'acquisto, l'atto notarile di apertura della successione se la casa è stata ereditata etc. Se, invece, la compravendita dell’immobile è in corso, porti la proposta di acquisto accettata, o il compromesso, e la prova del pagamento della caparra. Oltre a ciò, planimetrie e dati catastali, certificazione energetica.

Servono anche i tuoi documenti personali (come carta d’identità, codice fiscale, stato di famiglia, certificato di matrimonio) e quelli che certificano il reddito, per esempio la busta paga se lavori come dipendente o la dichiarazione dei redditi se sei libero professionista.

Puoi ottenere il mutuo per la ristrutturazione della casa in due modi. In un’unica soluzione oppure in più tranche, che corrispondono agli stati di avanzamento dei lavori stessi e che, in genere, consistono in acconto, pagamento intermedio e saldo. Avere un mutuo SAL (stato di avanzamento dei lavori) può essere una soluzione valida per le ristrutturazioni più lunghe e complesse.

Infine, se chiedi un mutuo per ristrutturare la prima casa hai dei benefici fiscali: detrai dall’IRPEF una percentuale degli interessi e degli oneri accessori che paghi sul finanziamento e sfrutti i bonus fiscali previsti dalla legge per diversi tipi di lavori sulla casa.

Qui trovi tutte le proposte che BPER Banca fa sui mutui per acquistare o ristrutturare la casa: consultale e poi prendi appuntamento con i nostri specialisti per trovare insieme il mutuo giusto.

Vuoi maggiori informazioni?

Rivolgiti ai nostri esperti: per un appuntamento o solo per saperne di più.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. La banca - prima di concedere il mutuo - valuta la tua capacità di rimborso delle rate, cioè il merito creditizio. Per le condizioni contrattuali ed economiche del mutuo puoi leggere il documento "Informazioni generali sul credito immobiliare offerto ai consumatori”, che trovi in Filiale o su www.bper.it sezione “Trasparenza”. Prodotto assicurativo di Arca Assicurazioni e distribuito da BPER Banca. Prima della sottoscrizione leggere il Set Informativo disponibile nella tua filiale o sul sito internet www.arcassicura.it. L’offerta, riservata a nuove operazioni di mutuo, è valida fino al 29/03/2024 o fino ad esaurimento del Plafond (135 milioni di euro per mutuo Green a tasso fisso, 360 milioni di euro per mutuo a tasso fisso), sempre che non venga prorogata o chiusa in anticipo. La Banca si riserva di poter effettuare modifiche unilaterali delle condizioni (ai sensi dell’Art. 118 T.U.B.).  

Esempio rappresentativo mutuo a tasso fisso incluso il costo della polizza incendio e scoppio: ecco un esempio per capire meglio: calcolato il 25/01/2024 su un mutuo garantito da ipoteca su un immobile residenziale e concesso da Bper Banca Spa a clienti consumatori con un’età compresa tra i 18 e i 47 anni, importo pari a € 100.000, LTV (Loan To Value = finanziabilità rispetto al valore dell’immobile) pari all’80%, durata 30 anni e rimborsabile in 360 rate mensili. L’esempio è valido per un mutuo a tasso fisso con una rata mensile di 416,23 €, TAN (Tasso Annuo Nominale) 2,90%, TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) 3,17% che comprende: interessi 50.003,91 € , spese di istruttoria 1.000,00€, spese di incasso rata 2,75 € (su ogni rata), costo di invio comunicazioni scritte pari a 0,90 € annui, imposta sostitutiva di 250,00 € (trattenuta all’erogazione), spese di perizia pari di 280,00 €, costo dell’assicurazione obbligatoria contro l'incendio e lo scoppio 23 €  annui (il costo è basato sulle coperture per il rischio di incendio, fulmine e lo scoppio del gas in base alla polizza offerta dalla Banca, il cliente può scegliere un’altra compagnia assicurativa). Importo totale del credito 98470,00 €. Costo totale del credito 53.240,91 €. Importo totale dovuto dal consumatore 153.243,66 €. 

Esempio rappresentativo  mutuo green a tasso fisso incluso il costo della polizza incendio e scoppio: ecco un esempio per capire meglio: calcolato il 25/01/2024 su un mutuo garantito da ipoteca su un immobile residenziale e concesso da Bper Banca Spa a clienti consumatori con un’età compresa tra i 18 e i 47 anni, importo pari a € 100.000, LTV (Loan To Value = finanziabilità rispetto al valore dell’immobile) pari all’80%, durata 30 anni e rimborsabile in 360 rate mensili. L’esempio è valido per un mutuo a tasso fisso con una rata mensile di 397,73 €, TAN (Tasso Annuo Nominale) 2,55%, TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) 2,73% che comprende: interessi 43.324,47 € , spese di istruttoria 0€, spese di incasso rata 2,75 € (su ogni rata), costo di invio comunicazioni scritte pari a 0,90 € annui, imposta sostitutiva di 250,00 € (trattenuta all’erogazione), spese di perizia pari di 280,00 €, costo dell’assicurazione obbligatoria contro l'incendio e lo scoppio 23 €  annui (il costo è basato sulle coperture per il rischio di incendio, fulmine e lo scoppio del gas in base alla polizza offerta dalla Banca, il cliente può scegliere un’altra compagnia assicurativa). Importo totale del credito 99.470,00 €. Costo totale del credito 45.561,47 €. Importo totale dovuto dal consumatore 145.564,22 €.