Finanziamento liquidità fino a 30.000 euro | Imprese

Finanziamento liquidità fino a 30.000 euro | Imprese

A CHI E' RIVOLTO
Lavoratori autonomi, liberi professionisti e PMI e Aziende Agricole.
I finanziamenti fino a 30.000 euro sono garantiti al 100% dal Fondo Centrale di Garanzia PMI su finanziamenti oppure ISMEA per le Aziende Agricole.

CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO

Il finanziamento deve essere nuovo e deve avere le seguenti caratteristiche:

  • durata di 36, 72 o 120 mesi 
  • preammortamento di 24 mesi
  • condizioni di tasso di favore previste dal Decreto Liquidità n. 23
  • importo non superiore a uno dei due seguenti parametri, alternativi tra loro:

           - il 25% del tuo fatturato 

           - il doppio della spesa salariale annua (compresi gli oneri sociali e il costo del personale che lavora nel sito dell'impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti)
La documentazione deve essere relativa all'ultimo bilancio depositato (2019 o in assenza il 2018) o all'ultima dichiarazione fiscale presentata all'Ade. Qualora  non fossero disponibili, ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445, è possibile raccogliere altra idonea documentazione, riferita all'anno 2019, mediante autocertificazione. 

Nel caso di imprese costituite a partire dal 1° gennaio 2019, verranno considerati i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività.

  • garanzia del Fondo Centrale o ISMEA sul 100% del finanziamento

Può essere richiesta una sola garanzia per azienda.

 

COME RICHIEDERE QUESTO FINANZIAMENTO PER AUTONOMI, LIBERI PROFESSIONISTI E PMI

Per richiedere il finanziamento, devi:

1) Scaricare e compilare i seguenti documenti:

 

2) Se sei un cliente BPER Banca Inviare tramite email  alla tua filiale (email semplice o PEC) tutti  moduli, compilati e firmati dal legale rappresentante o dal richiedente, e i documenti indicando il seguente oggetto " COVID FIN. 30k".  Puoi richiedere l'indirizzo email telefonando alla tua filiale o inviando un Whatsapp al Servizio Clienti al numero 366 777 3911
In caso non riuscissi ad inviarli tramite email puoi prendere appuntamento telefonando alla tua filiale.

Se non sei cliente, puoi fissare un appuntamento con la filiale a te più comoda. Qui puoi trovare l'elenco delle filiali, i giorni e gli orari di apertura in questo periodo ed i numeri di telefono per prendere l'appuntamento.

Il foglio informativo è disponibile a questo link .

 

COME RICHIEDERE QUESTO FINANZIAMENTO PER AZIENDE AGRICOLE

Per richiedere il finanziamento, devi:

1) Scaricare e compilare i seguenti documenti:

  • Modulo ISMEA LTM
  • Modulo richiesta di finanziamento (nel caso l’azienda operi, ed intenda richiedere finanziamento, in più settori dovrà presentare due distinti moduli di richiesta del finanziamento e due Moduli Ismea LTM. Ciascun finanziamento richiesto potrà avere un importo non superiore al 25% del fatturato del settore di riferimento. La somma dei due finanziamenti non potrà superare l’importo complessivo di 30.000 euro)
  • Modulo privacy ISMEA
  • Comunicazione dei dati personali ai sistemi di informazioni creditizie 
  • Carta identità o Passaporto o Patente di guida in corso di validità
  • Bilancio 2019 depositato oppure dichiarazione Iva presentata riferibile all’anno 2019
  • In assenza di bilancio o dichiarazione contabile necessaria per determinare il fatturato o il costo salariale annuo,  autodichiarazione  ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000  o altra idonea documentazione attestante l’ammontare dei ricavi o la spesa salariale del 2019

2) Se sei un cliente BPER Banca Inviare tramite email  alla tua filiale (email semplice o PEC) tutti  moduli, compilati e firmati dal legale rappresentante o dal richiedente, e i documenti indicando il seguente oggetto "COVID FIN.25K ISMEA". Puoi richiedere l'indirizzo email telefonando alla tua filiale o inviando un Whatsapp al Servizio Clienti al numero  366 777 3911
In caso non riuscissi ad inviarli tramite email puoi prendere appuntamento telefonando alla tua filiale.  Cerca la filiale più vicina a te.

Per tutte le condizioni economiche e contrattuali consultare il foglio informativo.

 

SE HAI GIA’ OTTENUTO IL FINANZIAMENTO FINO A 25.000 EURO, OGGI PUOI RICHIEDERE:
Caso 1 - l’aumento dell’importo finanziato, attraverso un finanziamento aggiuntivo
Caso 2 - l’estensione della durata del finanziamento originario
Caso 3 - l’estensione della durata del finanziamento originario e l’aumento dell’importo finanziato con un finanziamento aggiuntivo

 

CASO 1: AUMENTO DELL’IMPORTO

Se hai già beneficiato di un primo finanziamento puoi richiedere un nuovo finanziamento aggiuntivo e aumentare fino a 30.000 euro la tua iniziale richiesta, inviando alla casella email della tua filiale la seguente documentazione:

PER AUTONOMI, LIBERI PROFESSIONISTI E PMI

•    Modulo Richiesta di finanziamento,   indicando l’importo ad integrazione
•    Solamente se i ricavi indicati nell’Allegato 4 bis compilato per il precedente finanziamento NON erano sufficienti a consentire l’erogazione dell’ulteriore importo richiesto, il modulo “Annex - integrazione all’Allegato 4-bis - ex DL Liquidità ”; in questo caso andrà allegato anche ultimo bilancio depositato oppure ultimo modello redditi presentato, corredato di ricevuta dell'avvenuto invio telematico all'Agenzia delle Entrate (il Fondo di garanzia ha precisato che NON ammette la Dichiarazione IVA)
•    Per le imprese che non dispongono del bilancio 2019, autocertificazione  su carta intestata ai sensi dell’art. 47 del DPR 28 dicembre 2000 n. 445 attestante l’ammontare dei ricavi o della spesa salariale relativi al 2019. N.b.: in caso di imprese costituite a partire dal 01/01/2019, si deve fare riferimento ai costi salariali annui previsti per i primi 2 anni di attività.
•    Copia del documento, in corso di validità (esclusivamente carta d'identità, patente di guida o passaporto) o scaduto successivamente al 29/02/2020, del legale rappresentante che ha sottoscritto la documentazione

PER AZIENDE AGRICOLE

•    Modulo Richiesta di finanziamento,   indicando l’importo ad integrazione
•    Solamente se i ricavi indicati nel Mod.1Ismea compilato per il precedente finanziamento NON erano sufficienti a consentire l’erogazione dell’ulteriore importo richiesto, il modulo “Mod. Ismea Ltm Add ”; in questo caso andrà allegato anche bilancio 2019 depositato oppure Dichiarazione Iva riferibile all’anno 2019 presentata
•    Per le imprese che non dispongono del bilancio 2019, autocertificazione  su carta intestata ai sensi dell’art. 47 del DPR 28 dicembre 2000 n. 445 attestante l’ammontare dei ricavi o della spesa salariale relativi al 2019. N.b.: in caso di imprese costituite a partire dal 01/01/2019, si deve fare riferimento ai costi salariali annui previsti per i primi 2 anni di attività.
•    Copia del documento, in corso di validità (esclusivamente carta d'identità, patente di guida o passaporto) o scaduto successivamente al 29/02/2020, del legale rappresentante che ha sottoscritto la documentazione


CASO 2: ESTENSIONE DELLA DURATA

Se hai già beneficiato di un finanziamento fino a 25.000 euro a 36 o 72 mesi puoi richiedere di aumentarne la durata 120 mesi (o a 72 mesi, nel caso di durata iniziale pari a 36 mesi), sempre comprensivi di 24 mesi di preammortamento, inviando alla casella email della tua filiale la seguente documentazione: 

CASO 3: ESTENSIONE DELLA DURATA E AUMENTO DELL’IMPORTO

Se hai già beneficiato di un finanziamento fino a 25.000 e ti occorre maggiore liquidità e un aumento della durata del finanziamento ti sarà sufficiente inviare due richieste separate seguendo separatamente i processi previsti per i casi 1 e 2


 

box cura italia imprese e pmi

Decreto Cura Italia e moratorie sui finanziamenti.

Misure per le Imprese. 

 

Misure contenute nell’art. 56 della Legge 27/2020 (ex Decreto Cura Italia) e successive modifiche introdotte dal D.L. 14 agosto 2020, n. 104: le microimprese, le piccole e medie imprese che autocertifichino di aver subito, in via temporanea, carenze di liquidità come conseguenza diretta del COVID-19, possono richiedere fino al 31 Dicembre 2020:

  • il mantenimento fino al 31 Gennaio 2021 delle aperture di credito a revoca e dei prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020 o, se superiori, al 17 marzo 2020;

  • la proroga dei prestiti non rateali con scadenza prevista prima del 31 gennaio 2021;

  • la sospensione delle rate dei finanziamenti o dei canoni di leasing con scadenza fino al 31 gennaio 2020 (31 marzo 2021 per il settore turistico), scegliendo tra la sospensione dell’intera rata o della sola quota capitale.

Il termine delle suddette misure fissato al 31 Gennaio 2021 (31 marzo 2021 per le linee rateali del settore turistico), recepisce le modifiche introdotte dall’art. 65 e dall’art. 77 del D.L. 14 agosto 2020, n. 104, fatte salve ulteriori e diverse indicazioni che dovessero emergere in sede di prossima conversione in legge.

Scarica il modulo di adesione alla sospensione ex art. 56 >

Per i clienti già ammessi alle misure di sostegno previste dall’art. 56, che avevano scadenza al 30 settembre 2020, la proroga delle rate dei finanziamenti, dei canoni leasing, delle rate dei piani di decurtazione e delle linee di credito temporanee in scadenza tra il 30 settembre 2020 e il 31 gennaio 2021 (31 marzo per le linee rateali del settore turistico), sarà effettuata automaticamente.

Resta la ferma la possibilità per i clienti non interessati alla proroga di rinunciare alla stessa attraverso una specifica comunicazione scritta da far pervenire alla banca entro il 30 settembre 2020.

Si ricorda che:

  • nei casi di sospensione della sola quota capitale, durante il periodo di sospensione sarà dovuto il regolare pagamento degli interessi, calcolati sul debito residuo del mutuo riferito alla data di sospensione;

  • qualora invece si sia optato per la sospensione dell’intera rata, durante il periodo di sospensione maturano gli interessi contrattuali pattuiti,  calcolati sul debito residuo del mutuo riferito alla data di sospensione.  Tali interessi dovranno essere rimborsati a partire dalla prima scadenza successiva al termine del periodo di sospensione e l’importo calcolato sarà ripartito su tutto il piano di ammortamento residuo sotto forma di quote aggiuntive alle rate già previste.  

Scarica il modulo di rinuncia alla proroga automatica >

Moratoria ABI Imprese – Accordo per il Credito 2019 e successivi Addendum: le microimprese e le PMI possono richiedere, al ricorrere dei requisiti necessari e fino al 31 dicembre 2020, la sospensione dei finanziamenti e dei leasing prevista dall’Accordo ABI per il Credito 2019 (sospensione della quota capitale fino a 12 mesi).

Inoltre, sulla base dei successivi Addendum all’Accordo sottoscritti tra l’ABI e le Associazioni di categoria delle imprese, fino al 30 settembre 2020 e dietro autocertificazione di aver subito danni derivanti dall’emergenza sanitaria “COVID-19”, possono accedere all’Accordo anche le imprese di dimensioni superiori alle PMI.

Per la clientela che avesse già ottenuto una “Moratoria interna banca” sarà possibile richiedere, fino al 30 settembre 2020 e al ricorrere dei requisiti necessari, il passaggio alla “Moratoria ABI Imprese – Accordo per il Credito 2019”. In questo caso la durata della sospensione sarà pari ad un massimo di 12 mesi, comprensivi però del periodo già goduto sulla precedente agevolazione.

Si ricorda che gli interessi calcolati (al tasso contrattuale eventualmente aumentato in funzione dei maggiori oneri per la Banca connessi alla realizzazione dell’operazione medesima, come previsto dall’Accordo ABI) sul debito residuo al momento della sospensione, vengono rimborsati alle scadenze originarie.

 

Scarica il modulo di adesione all’ Accordo per il credito 2019 >

Scarica il modulo di passaggio dalla moratoria interna Banca  alla Moratoria ABI – Imprese- Accordo per il Credito 2019 >

spazio vuoto

cta privati emergenza coronavirus

Come fare per chiedere informazioni su queste misure?

 

Puoi far riferimento al tuo consulente di filiale oppure lasciarci i tuoi contatti: ti ricontatteremo noi per fornirti tutte le informazioni e i dettagli su come richiedere queste misure.

#SicuriRipartiamo

#SicuriRipartiamo

In collaborazione con SiSalute, società di servizi di UniSalute,  promuoviamo la CARD #SicuriRipartiamo, che offre alle aziende un pacchetto di servizi utili per ripartire in sicurezza dopo il lockdown. Permette infatti alle imprese di accedere a un set di materiali informativi e a servizi sanitari, fruibili direttamente anche dai lavoratori/collaboratori, per la prevenzione e la diagnosi del Covid-19, con tariffe più convenienti rispetto a quelle di mercato.

Vai alla pagina

separatore


link a mef

FAQ sulle nuove misure economiche – COVID-19 redatte dal MEF.

Consulta la sezione delle domande e risposte sul sito del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Contacts

disclaimer coronavirus

Le misure moratorie sono da ritenersi valide fino alla pubblicazione di nuovi decreti normativi che potrebbero modificarne l'applicazione.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. La Banca si riserva il diritto di subordinare l’accesso al finanziamento ad una valutazione del merito creditizio. Per le condizioni contrattuali ed economiche si rinvia al documento "Informazioni europee di base di credito ai consumatori", per la clientela privata e ai Fogli informativi per le imprese, entrambi richiedibili in Filiale.

disclaimer-finanziamenti-coronavirus

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. La Banca si riserva il diritto di subordinare l’accesso al finanziamento ad una valutazione del merito creditizio. Per le condizioni contrattuali ed economiche si rinvia al documento "Informazioni europee di base di credito ai consumatori", per la clientela privata e ai Fogli informativi per le imprese, entrambi richiedibili in Filiale.

Prestiti da 10.000 a 50.000 euro  Esempio di finanziamento aziendale a tasso fisso erogato il 12/05/20, di € 50.000, durata 3 anni al TAN (Tasso Annuo Nominale) del 1%. TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) 1,01%, costo totale del credito 902,46 euro, pari alla somma di interessi (899,76 euro), spese di istruttoria (0 euro), spese di incasso rata (0 euro per ogni rata) e spese info periodiche (0,90 euro). Rata mensile 1688,28 euro. Importo totale dovuto dal cliente 50.902,46  euro. Offerta valida fino al 15/06/2020 salvo proroga o chiusura anticipata. La somma è erogata da BPER Banca.  

Prestiti fino a 10.000 euro Esempio di finanziamento a tasso fisso erogato il 28/03/20, di € 10.000, durata 3 anni (comprensivi di 6 mesi di preammortamento) al TAN (Tasso Annuo Nominale) del 1% nel periodo di ammortamento e dello 0% nel periodo di preammortamento. TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) 0,74 %, costo totale del credito 10.132,50 euro, pari alla somma di interessi (129,80 euro), spese di istruttoria (0 euro), spese di incasso rata (0 euro per ogni rata) e spese rendiconto annuale (0,90 euro). Rata mensile 337,66 euro. Importo totale dovuto dal cliente  10.132,50 euro. Il TAEG è inferiore al TAN in quanto c'è un periodo di pre-ammortamento a tasso 0 di sei mesi. Offerta valida fino al 15/06/2020 salvo proroga o chiusura anticipata. La somma è erogata da BPER Banca.