Loading
Numeri utili    Mappa    Accessibilità    Contatti    English version   
Chi siamo      Governance      Investor Relations      Press & media      News & Eventi      Sostenibilità      Lavora Con Noi     
HOME Privati e famiglie Imprese e liberi professionisti Soci Private Enti e Non profit
ACCESSO CLIENTI
 
  Smart Web
L'internet banking
    800 227 788    
  Smart Trading
Il trading online
    800 227 788    
  C.B.I.
Il corporate banking
    800 921 136    
  Prepagate
Le carte
    800 440 650    
  BPER Card     800 440 650    
  Tesoreria     199 163 506    
noresconsole_ norespopup
   
 Chi siamo   
Collezione dipinti antichi di BPER Banca

 

Collezione dipinti antichi di BPER Banca

A partire dagli anni '50, come atto concreto di valorizzazione e tutela del patrimonio artistico locale, BPER Banca (allora Banca popolare di Modena), ha avviato l'acquisto di dipinti antichi prevalentemente di scuola emiliana.
 

La raccolta ripercorre lo sviluppo della pittura emiliana tra XIV e XVIII secolo, con oltre centotrenta opere conservate per lo più presso la Sede BPER Banca di via San Carlo a Modena. Il dipinto forse simbolo della collezione è "Sant'Elena fra quattro santi", attribuito al Correggio. Fra le opere assume però particolare importanza la scuola bolognese, a partire dalle piccole tavole trecentesche di Simone dei Crocefissi, fino ai capolavori del Sei Settecento, dove trovano poetica espressione le suggestioni più auliche e raffinate del classicismo di matrice reniana, le propensioni più vere del naturalismo seicentesco e l'intensa esibizione del melodramma barocco. Accanto ai nomi di grandi protagonisti come Annibale e Ludovico Carracci, Guido Reni e Il Guercino, figurano altri artisti di grande importanza come Bodoni, Tiarini, Cavedoni, Desubleo, Pasinelli, Dal Sole, Dilani e Monti, solo per citarne alcuni. Oltre all'area bolognese sono rappresentate anche altre zone artistiche della regione.

La scuola modenese, ad esempio, offre veri e propri capolavori, come la bellissima ancoretta con "L'adorazione del Bambino" di Cristoforo da Lendinara, il più grande maestro di tarsia in Emilia. Sullo stesso filo ideale si pone la piccola tavola con "San Girolamo" di Francesco Bianchi Ferrari. Di straordinaria importanza anche la tela con "San Sebastiano curato dalle pie donne", eseguito nel 1643 per il Palazzo Ducale di Sassuolo da Ludovico Lana, pittore ferrarese a lungo attivo alla corte Estense.

La realtà ferrarese è rappresentata da nomi di grande prestigio come Ortolano e Girolamo da Carpi, Reggio Emilia da Luca Ferrari e Paolo Emilio Besenzi. Parma da Sisto Badalucchi e Giovanni Lanfranco (uno dei promotori in Italia del gusto barocco). In area romagnola si collocano infine una grande pala d'altare firmata.




/bper_istzbper_content/sitoit/homepage/chi-siamo/cultura-territorio/c_sl_chisiamo_cultura_e_territorio   Elenco completo